MIMMO LOIACONO

MIMMO LOIACONO è l’ideatore e organizzatore della decima edizione del Villaggio del Gusto 2024.
L’evento si terrà a Bari presso largo Giannella dal 6 al 12 maggio.

𝗛𝗮𝗶 𝗴𝗶𝗮’ 𝗼𝗿𝗴𝗮𝗻𝗶𝘇𝘇𝗮𝘁𝗼 𝗮𝗹𝘁𝗿𝗶 𝗲𝘃𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗶𝗻 𝗽𝗮𝘀𝘀𝗮𝘁𝗼?
La mia passione di organizzatore nasce negli anni 90 come dirigente del Centro Sportivo Italiano di Bari. A 20 anni organizzavo eventi sportivi e manifestazioni per ragazzi. È stata una scuola che mi ha permesso di apprendere sul campo le dinamiche con cui rapportarmi a persone e gruppi eterogenei, per realizzare ottime idee.

𝗤𝘂𝗲𝘀𝘁’𝗮𝗻𝗻𝗼 𝗶𝗹 𝗩𝗶𝗹𝗹𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗚𝘂𝘀𝘁𝗼 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗶𝗲 𝟭𝟬 𝗮𝗻𝗻𝗶, 𝗰𝗼𝘀𝗮 𝗱𝗼𝗯𝗯𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗮𝘀𝗽𝗲𝘁𝘁𝗮𝗿𝗰𝗶 𝗱𝗮 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗲𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲?
10 anni sono tanti. Due lustri passati in mezzo alla strada a far divertire e rifocillare il pubblico con il buon cibo di strada e la birra artigianale in contesti sempre ricercati. L’edizione 2024 non tradirà le attese anche grazie alla partnership con CAB Centro Assistenza Bollette che supporterà tutte le nostre iniziative. Tant’è che, per l’occasione, lo abbiamo ribattezzato “Villaggio del Guato CAB Edition”.

𝗟’𝗼𝗯𝗶𝗲𝘁𝘁𝗶𝘃𝗼 𝗽𝗿𝗶𝗻𝗰𝗶𝗽𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗶 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗳𝗮𝗻𝘁𝗮𝘀𝘁𝗶𝗰𝗼 𝗲𝘃𝗲𝗻𝘁𝗼?
Divertire il pubblico nei giorni della festa di San Nicola che continuerà nel weekend successivo reso speciale dall’istituzione del premio “Villaggio del Giusto” dedicato alla figura di Pino Tulipani. Un premio che vuole conferire un riconoscimento ad imprese e persone attive nell’inclusione in tutte le sue forme.

𝗦𝗶𝗲𝘁𝗲 𝗶𝗻 𝗽𝗼𝗰𝗵𝗶 𝗮𝗱 𝗼𝗿𝗴𝗮𝗻𝗶𝘇𝘇𝗮𝗿𝗲 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗶𝗺𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮𝗻𝘁𝗲 𝗲𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗩𝗶𝗹𝗹𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗚𝘂𝘀𝘁𝗼, 𝘁𝘂 𝗶𝗻 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗶𝗰𝗼𝗹𝗮𝗿𝗲 𝗱𝗶 𝗰𝗼𝘀𝗮 𝘁𝗶 𝘀𝗲𝗶 𝗼𝗰𝗰𝘂𝗽𝗮𝘁𝗼?
Il Villaggio del Gusto é organizzato da un team di diverse persone. la selezione degli espositori e dei prodotti proposti é merito della professionalità di mia moglie Paola Sorrentino. Musica e divertimento sono opera di Pasquale33 mentre il divertimento pazzoide é opera di Alessandro Antonacci. Io cerco di coordinare queste forze della natura.

𝗦𝗼𝗴𝗻𝗼 𝗻𝗲𝗹 𝗰𝗮𝘀𝘀𝗲𝘁𝘁𝗼?
Organizzare un Villaggio del Gusto itinerante in tutta Italia per far conoscere i sapori del Sud e, soprattutto, della nostra Puglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *